Il ritratto di un uomo che sapeva amare

Passeggiando in motoretta con Paolo. Il ritratto di un uomo che sapeva amare.

Un album di foto privatissime e il ricordo di un figlio. Paolo Borsellino felice, nell’intimità della sua famiglia. Potete sfogliarle QUI. Nel ventennale delle strage di via D’Amelio, vogliamo ricordare la vita di un uomo. Non solo la sua morte.

La vita di un uomo, di un magistrato, ma soprattutto di un padre e di un marito, può raccontarsi anche attraverso le immagini private tratte dagli album di famiglia.

Queste fotografie, molte delle quali scattate casualmente e con macchinette “usa e getta”, raccontano un Paolo Borsellino fuori dalle aule giudiziarie e dai Palazzi dei “veleni”, immerso, direi quasi felicemente inghiottito, nei momenti familiari più intimi, circondato dalle “sue” donne, le mie sorelle e mia madre, dai suoi colleghi e collaboratori, che mano a mano, anno dopo anno, gli morivano intorno.

Raccontano la semplicità e la normalità di un marito che aveva nella sua donna, mia madre, la sua principale “tifosa”, colei che anche nei momenti più drammatici lo spronava ad andare comunque avanti, consapevole che senza il suo sostegno mio padre sarebbe morto prima di morire.

E raccontano il padre di tre figli, cresciuti tutti a “pane e ideali”, amati senza mai risparmiarsi, dai quali ha ricevuto in questi lunghi anni sei splendidi nipoti, Agnese, Vittoria, Merope, Paolo, Fiammettina e Felicita; quest’ultima, figlia di Fiammetta, chiamata così da mia sorella in ricordo della poesia di Gozzano, “Signorina Felicita”, che mio padre non smise mai di raccontarle.

Raccontano infine un uomo che viveva di piccole cose e che traeva emozioni anche solo dall’andare a manetta con la sua piccola barchetta da grande servitore dello Stato.

Manfredi Borsellino

via Passeggiando in motoretta con Paolo. Il ritratto di un uomo che sapeva amare – Live Sicilia.

This entry was posted in Appuntamenti, Opinioni, ParliamoneAncheNoi and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>